venerdì 6 giugno 2014

CURIOSITA' MONDIALI (1° parte)

Mancano pochi giorni ormai all'inizio del Mondiale, la rassegna che appassiona tutto il mondo del calcio per un intero mese.
Con questi tre articoli ripercorriamo tutte le sfide più curiose, significative e particolari dal 1930 al 2010.
Nella prima parte tutte le emozioni della Coppa Rimet (1930-1970).
 
 


URUGUAY 1930
 
Stati Uniti-Belgio 3-0 (gironi): una delle prime due sfide mondiali, giocata il 13 giugno alle ore 15. Vincono gli americani grazie alle reti di McGhee, Florie e Patenaude.
 
Francia-Messico 4-1 (gironi): l'altra delle prime due sfide mondiali, i francesi termineranno comunque terzi ottenendo questa sola ed unica vittoria.
 
Argentina-Messico 6-3 (gironi): la prima sfida terminata in goleada, la tripletta di Stabile vale il passaggio alle semifinali.
 
2 le partite giocate dalla Bolivia (gironi), entrambe perse 4-0, contro Jugoslavia ed Uruguay.
 
Argentina-Stati Uniti ed Uruguay-Jugoslavia 6-1 (semifinali): le due semifinali si concludono con lo stesso risultato.
 
Uruguay-Argentina 4-2 (finale): la prima finale, vincono i padroni di casa in rimonta, gli argentini si consolano col titolo di capocannoniere di Guillermo Stabile, 8 gol.
 
Una formazione dell'Uruguay


ITALIA 1934

Italia-Stati Uniti 7-1 (ottavi di finale): la prima partita dell'Italia ad un mondiale si decide con una goleada, protagonista Schiavio con 3 reti.
 
Germania-Belgio 5-2 (ottavi di finale): la Germania, con bandiera nazista, si impone sul Belgio segnando 5 gol, anche qui una tripletta, quella di Conen.
 
Austria-Francia 3-2 (ottavi di finale): prima partita terminata ai supplementari dopo l'1-1 dei 90 minuti. Decisivo il gol di Bican.
 
Italia-Spagna 1-0 (quarti di finale): primo replay dopo l'1-1 del giorno prima. Decide Meazza al minuto 11.
 
Cecoslovacchia-Germania 3-1 (semifinale): una tripletta di Nejedly interrompe il cammino della Germania.
 
Italia-Cecoslovacchia 2-1 (finale): primo successo per l'Italia che vince la partita nei supplementari, segna al 95° minuto Schiavio.
 



FRANCIA 1938

Ungheria-Indie Orientali Olandesi 6-0 (ottavi di finale): L'attuale Indonesia è la prima nazionale asiatica che prende parte ad un mondiale, viene sommersa dalla valanga ungherese.
 
Brasile-Polonia 6-5 (ottavi di finale): clamorosa partita che termina 4-4 nei 90 minuti, la vince poi il Brasile trascinato da un super Leonidas.
 
Svezia-Cuba 8-0 (quarti di finale): dopo aver superato al replay la Romania, la nazionale cubana viene fatta a pezzi dai vichinghi svedesi.
 
Francia-Italia 1-3 (quarti di finale): gli azzurri eliminano i padroni di casa grazie a Colaussi e Piola (doppietta).
 
Italia-Ungheria 4-2 (finale): Ancora Colaussi e Piola, per entrambi doppietta, portano ancora una volta il titolo nel bel paese.
 



BRASILE 1950

Uruguay-Bolivia 8-0 (gironi): l'unica partita del Gruppo 4 visto il ritiro di Scozia e Turchia.
 
Brasile-Svezia 7-1 (girone finale): la goleada brasilera apre il girone finale, poker di Ademir.
 
Brasile-Spagna 6-1 (girone finale): altra valanga verdeoro, stavolta a soccombere sono le furie rosse.
 
Uruguay-Brasile 2-1 (girone finale): "il Maracanazo", quando tutto il Brasile pensa di aver già vinto, Schiaffino e Ghiggia ribaltano il gol di Friaca. Prima del match il Brasile aveva 4 punti, l'Uruguay 3.
 

 


SVIZZERA 1954
 
Ungheria-Corea del Sud 9-0 (gironi): Puskas, Kocsis e Palotas. Per i coreani è uno dei pomeriggi più amari della loro storia calcistica.
 
Ungheria-Germania Ovest 8-3 (gironi): l'Aranycsapat trita i tedeschi con 8 gol, protagonista ancora Kocsis con 4 gol.
 
Turchia-Corea del Sud 7-0 (gironi): nonostante la roboante vittoria, la Turchia viene eliminata in favore della Germania Ovest che vince 7-2 lo spareggio, mentre la Corea del Sud chiude con 0 gol all'attivo e 16 subiti.
 
Inghilterra-Belgio 4-4 (gironi): finisce con 8 gol totali dopo i tempi supplementari, non esistono i rigori. Inghilterra avanti, Belgio ultimo nel girone.
 
Svizzera-Italia 4-1 (gironi spareggio): la nazionale di casa elimina gli azzurri, a nulla vale il gol di Nesti.
 
Austria-Svizzera 7-5 (quarti di finale): no, niente rigori e niente supplementari. Il tutto si decide nei 90 minuti, anzi in 76. Per gli austriaci tripletta di Wagner, per gli elvetici tripletta di Hugi.
 
Ungheria-Uruguay 4-2 (semifinale): una doppietta ai supplementari di Kocsis reagala la finale all'Aranyacsapat.
 
Germania Ovest-Ungheria 3-2 (finale): "il miracolo di Berna". Dopo 8 minuti l'Ungheria è avanti 2-0 e forte dell'8-3 del girone, si sente sulle ali dell'entusiasmo. Al 10° minuto la riapre Morlock, Rahn pareggia al 18° ed all'84° lo stesso Rahn regala ai tedeschi dell'ovest una storica vittoria.
 




SVEZIA 1958
 
Francia-Paraguay 7-3 (gironi): Fontaine apre il suo score segnando una tripletta ai malcapitati sudamericani.
 
Svezia-Messico 3-0 (gironi): la nazionale di casa vince la sua prima partita, doppietta di Simonsson e gol di Liedholm.
 
Ungheria-Galles 1-1 (gironi): l'Ungheria non è la corazzata di 4 anni prima e viene bloccata dal Galles alla sua prima e finora unica partecipazione al mondiale. Per gli anglosassoni in rete John Charles.
 
Galles-Ungheria 2-1 (gironi spareggio): a testimonianza di quanto detto sopra, i gallesi liquidano gli ungheresi grazie alle reti di Ivor Allchurch e Medwin.
 
Brasile-URSS 2-0 (gironi): doppietta di Vavà, ai suoi primi gol in una fase finale di un mondiale.
 
Brasile-Galles 1-0 (quarti di finale): l'ottimo Galles viene eliminato dai futuri campioni del mondo, decide Pelè al 66° minuto.
 
Francia-Brasile 2-5 (semifinale): Didì Vavà Pelè, il Brasile conquista la finale grazie alle marcature dei tre fuoriclasse, Pelè mette a segno una tripletta.
 
Germania Ovest-Francia 3-6 (finale 3°-4° posto): poker di Fontaine utile solo ad incrementare il suo bottino. Con 13 gol è attualmente il giocatore che ha segnato più gol in una fase finale di un mondiale.
 
Svezia-Brasile 2-5 (finale): il Brasile si laurea campione del mondo per la prima volta trascinato dalle doppiette di Vavà e Pelè, a segno anche Mario Zagallo. Ottimo comunque il cammino della Svezia che mai riuscirà a ripetere tale impresa.
 



CILE 1962
 
URSS-Colombia 4-4 (gironi): dopo 11 minuti i sovietici sono avanti 3-0, al 67° 4-1, al 90° 4-4. Grande impresa della Colombia al suo primo punto mondiale.
 
Cile-Svizzera 3-1 (gironi): i padroni di casa aprono il loro mondiale rifilando 3 gol agli elvetici.
 
Cile-Italia 2-0 (gironi): "la battaglia di Santiago". E' stata così definita questa partita, cileni che picchiano dal primo all'ultimo minuto per vendicare alcuni commenti poco edificanti di alcuni giornalisti italiani che definivano il Cile un paese sottosviluppato e non adatto ad ospitare un mondiale. (FOTO)
 
Germania Ovest-Cile 2-0 (gironi): vittoria che dà la qualificazione ai tedeschi, trascinati da Uwe Seeler.
 
Ungheria-Bulgaria 6-1 (gironi): sembra tornata una parvenza di Ungheria, vince a mani basse il girone ma viene eliminata ai quarti dalla Cecoslovacchia.
 
Cile-URSS 2-1 (quarti di finale): storica qualificazione alle semifinali per il paese andino, di Eladio Rojas il gol decisivo al minuto 27.
 
Brasile-Inghilterra 3-1 (quarti di finale): al trio brasilero sopra citato mancava Garrincha, autore di una doppietta che elimina gli inglesi.
 
Brasile-Cile 4-2 (semifinale): questa volta nulla possono i sorprendenti cileni che soccombono alle doppiette di Garrincha e Vavà.
 
Cile-Jugoslavia 1-0 (finale 3°-4° posto): è ancora un gol di Rojas a decidere la sfida, arriva al 90° minuto e regala al Cile il 3° posto mundial.
 
Brasile-Cecoslovacchia 3-1 (finale): apre Masopust dopo 14 minuti, ma Amarildo, Zito e Vavà spengono l'entusiasmo cecoslovacco regalando al popolo brasiliano il secondo titolo consecutivo.
 
6 i capocannonieri del mondiale, tutti con 4 reti: i brasiliani Garrincha e Vavà, il cileno Leonel Sanchez, lo jugoslavo Drazan Jerkovic, l'ungherese Florian Albert ed il sovietico Valentin Ivanov.
 



INGHILTERRA 1966

Inghilterra-Uruguay 0-0 (girone): gara inaugurale a reti bianche, entrambe passeranno il girone a scapito di Francia e Messico.
 
Germania Ovest-Svizzera 5-0 (gironi): i tedeschi aprono il girone dando uno schiaffo ai poveri elvetici. Spicca una doppietta di Beckenbauer.
 
Brasile-Bulgaria 2-0 (gironi): Pelè e Garrincha sono sufficienti a battere la Bulgaria.
 
Portogallo-Brasile 3-1 (gironi): una doppietta di Eusebio liquida i cugini brasiliani rispedendoli a ballare il samba anzitempo.
 
Italia-Cile 2-0 (gironi): gli azzurri vendicano la battaglia di Santiago di 4 anni prima, ci pensano Mazzola e Barison.
 
Corea del Nord-Italia 1-0 (gironi): clamoroso all'Ayresome Park di Middlesborough, Pak Doo Ik segna al 42°, l'Italia non raggiunge il pareggio e viene eliminata in favore dei meno quotati coreani. Al ritorno in patria, azzurri accolti ad ortaggi.
 
Portogallo-Corea del Nord 5-3 (quarti di finale): dopo 25 minuti i sorprendenti coreani sono avanti 3-0, sale però in cattedra un magnifico Eusebio che con 4 gol spezza i sogni coreani.
 
Inghilterra-Argentina 1-0 (quarti di finale): segna Hurst al 78° dando l'idea che può essere l'anno giusto per gli inglesi.
 
URSS-Ungheria 2-1 (quarti di finale): sfida esteuropea, agli ungheresi non è sufficiente il gol di Ferenc Bene. Cislenko e Porkujan mandano i sovietici in semifinale.
 
Germania Ovest-URSS 2-1 (semifinali): decisivo ancora Beckenbauer che realizza il secondo gol al 67°.
 
Inghilterra-Portogallo 2-1 (semifinali): stavolta non basta Eusebio, sale in cattedra Bobby Charlton che realizza una doppietta.
 
Inghilterra-Germania Ovest 4-2 (finale): Weber pareggia per i tedeschi al 90° ma nei supplementari una doppietta di Hurst (già a segno nei 90 minuti) regala il titolo all'Inghilterra non senza polemiche.
 



MESSICO 1970

Messico-URSS 0-0 (gironi): 107.000 persone gremiscono lo stadio Azteca ma nessuna delle due squadre riesce a violare la porta avversaria.

Israele-Svezia 1-1 (gironi): partita a dir poco spigolosa, israeliani che provocano per buona parte del match. Prima Turesson al 53° e 3 minuti dopo Spiegler realizzano le marcature. Verranno entrambe eliminate a vantaggio di Italia ed Uruguay.

Brasile-Cecoslovacchia 4-1 (gironi): Rivelino, Pelè e Jairzinho (doppietta). Il Brasile dà spettacolo a Guadalajara.

Brasile-Inghilterra 1-0 (gironi): partita famosa per la "parata del secolo". Banks compie un autentico prodigio su un colpo di testa di Pelè che merita di essere visto all'infinito.
 

 
Germania-Marocco 2-1 (gironi): al 21° Houmane sfrutta una disattenzione della difesa tedesca; ai marocchini non basterà il portiere Ben Kassou. Seeler e Muller rimontano l'iniziale svantaggio.
 
Perù-Marocco 3-0 (gironi): una doppietta di Cubillas trascina i peruviani ai quarti di finale.
 
Germania Ovest-Inghilterra 3-2 (quarti di finale): rivincita della finale di Wembley, stavolta si impongono i teutonici grazie ad una rete di Muller nei supplementari.
 
Brasile-Perù 4-2 (quarti di finale): fonti mai confermate parlano di un atteggiamento poco "aggressivo" dei peruviani allenati da Didì. Rivelino, Tostao (doppietta) e Jairzinho stendono i biancorossi.
 
Italia-Messico 4-1 (quarti di finale): padroni di casa in vantaggio al 13° con Josè Luis Gonzalez, si sciolgono e si fanno rimontare dagli azzurri, spicca la doppietta di Gigi Riva.
 
Italia-Germania Ovest 4-3 (semifinale): "la partita del secolo", non ha bisogno di alcun commento.
 
Brasile-Italia 4-1 (finale): troppo forte il Brasile per gli azzurri, Rivera viene fatto entrare a 6 minuti dalla fine ma 2 minuti dopo Carlos Alberto chiude in maniera netta i giochi. Per il Brasile è il 3° titolo.
 


Questa è la storia della Coppa Rimet che dal 1974 diventerà a tutti gli effetti Coppa del Mondo, ma questa è una storia che racconteremo nei prossimi episodi.

FINE PRIMA PARTE



Matteo Maggio

Nessun commento:

Posta un commento